Tutta l' azienda si estende attorno alla cantina con una superficie di 50 ha, 20 dei quali interessati a vigneto. 

Valerio e Paolo hanno avviato la propria attività nel 1978 nel podere prima condotto dal nonno Mario. La cantina sta passando di padre in figlio da generazioni ormai, garantendo la continuità della nostra tradizione.

Negli anni l'azienda è stata continuamente ampliata e qualificata ed oggi si estende su circa 50 ha, suddivisa nei poderi: Baruccia, Palazzina, Galassino, Le Grete.

 

I vigneti sono stati impiantati solo negli appezzamenti più vocati per qualità del terreno, esposizione al sole e microclima. Questa tipologia di terreno da vini con una trama tannica molto raffinata e acidità ben integrata. Notevole importanza è da attribuire alle escursioni termiche tipiche dei mesi di agosto e settembre che coincidono con la fase di maturazione delle uve. Tale fenomeno è generato dai flussi di aria fresca che corrono lungo l'asse fluviale della vallata del Savio. Le uve, favorite dall'insieme di questi fattori, tendono ad acquisire particolari qualità organolettiche. L' azienda ricade nella zona di produzione del Romagna DOC, nel comune di Mercato Saraceno. 

La varietà principale è il Sangiovese, insieme a Cabernet Sauvignon, Trebbiano e altri vitigni autoctoni bianchi.

In tutto questo, una particolare nota di merito va al nostro enologo Emiliano Falsini.

Completamente rinnovata nel 1998, la cantina, è dotata delle più moderne tecnologie del settore: le vasche in acciaio inox dotate di tasche di raffreddamento, la possibilità di lavorare le uve con il sistema di pressatura soffice, ed altre attrezzature all'avanguardia.

 

Nell' antica cantina interrata, appositamente adibita per l'affinamento, i vini migliori si elevano in legno di botte grande e qualche barrique, acquisendo quegli aromi di pregio che soddisfano i palati più esigenti. La grande passione per questa "arte" viene da una forte tradizione tramandata dal nonno, già esperto vitivinicoltore dalla metà del secolo scorso.

 

Le bottiglie che contengono i vini migliori vengono fatte riposare coricate per poterne garantire il mantenimento anche a distanza di molti anni.

 

 

 

Tenuta Casali was founded in 1978 when the Casali brothers, Valerio and Paolo, took over their grandfather Mario’s farm in Mercato Saraceno, which lies along the Savio Valley in the Appenine hills of Romagna at an altitude of 525 - 800 feet (160 - 240 meters). The estate now consists of 123 acres (50 hectares) of which 44 acres (18 hectares) are under vine, varying in age from 13-28 years.  We are dedicated to producing quality wines without forgetting the wine growing traditions of Romagna that were handed down from grandpa Mario and which continue to be passed down from generation-to-generation. In fact, to keep with this tradition the next generation of Casalis, Francesco, Daniele e Silvia, who just returned from an experience with a winery in California, are already at work beside their fathers.

Great care is taken in the vineyards where integrated and sustainable farming methods are practiced, grapes are harvested by hand and yields are low. The soil of the lower lying vineyards is stoney and has a medium consistency with underlying layers of gravel, while the Baruccia vineyard also contains white clay typically found in the ravines of the Romagna hills. The wines are bottled unfiltered. The mainstay of the estate is the indigenous Sangiovese grape which is raised in a unique area of Romagna, in the San Vicinio sub-zone, where the vineyards extend over the terraced and slightly inclined fluvial banks of the Savio River, thus guaranteeing wide temperature excursions between day and night, despite the lack of altitude, the benefits of which are reflected in the intensity of the wines.  Although the Sangiovese grape is a bit more renown in neighboring Tuscany the quality levels of Sangiovese based wines now being produced in Romagna are steadily on the rise and from a quality-to-price ratio the Sangiovese based wines of Romagna are quite hard to beat.  Tenuta Casali’s terroir driven wines are emblematic examples of this. We would like to underline the important role of our young and dynamic enologist, Emiliano Falsini.